Yuja Wang

Pianoforte

Biografia

Commenti entusiastici della critica e ovazioni del pubblico hanno sempre accompagnato la sfavillante carriera di Yuja Wang. La pianista originaria di Pechino, elogiata per le carismatiche abilità e l’accattivante presenza scenica, si prepara a nuovi grandi traguardi nella stagione 2018/2019, che include recital, cicli di concerti, ma anche ‘residenze’ ed estese tournée insieme ad alcuni dei più prestigiosi ensemble e direttori d’orchestra del mondo.

Yuja Wang ha iniziato l’estate del 2018 con un’interpretazione del Primo Concerto per pianoforte di Beethoven al Tanglewood Music Festival con la Boston Symphony Orchestra diretta da Andris Nelsons, seguita da una tournée con i Berliner Philharmoniker e Kirill Petrenko con il Terzo Concerto per pianoforte di Prokofiev. Appuntamenti successivi includono una lunga tournée di recital in Sud America e diversi concerti autunnali con i Münchner Philharmoniker e Valery Gergiev in Asia.

Yuja Wang è ‘artist in residence’ presso tre delle principali istituzioni musicali del mondo: la Carnegie Hall di New York con il ciclo ‘Persectives’ che abbraccia tutta la stagione, la Wiener Konzerthaus con un ciclo ‘Portrait’ e la Philharmonie Luxembourg. Le apparizioni principali includono concerti con i Wiener Philharmoniker a Versailles, il Sommernachtskonzert alla Reggia di Schönbrunn con Gustavo Dudamel. È inoltre protagonista di tournée con la City of Birmingham Symphony Orchestra e Mirga Gražinytė-Tyla. Altre apparizioni di rilievo includono concerti nelle città di Istanbul, Toronto, Los Angeles, Chicago e Kotor.

La primavera del 2019 vede Yuja Wang impegnata in una tournée nelle città di Los Angeles, Seoul e Tokyo con la Los Angeles Symphony Orchestra per interpretare in prima esecuzione mondiale l’ultimo Concerto per pianoforte di John Adams. Inoltre, si riunirà con il violoncellista e abituale partner artistico Gautier Capuçon per una vasta tournée cameristica negli Stati Uniti.

Yuja Wang è nata a Pechino in una famiglia di musicisti. Dopo gli studi di pianoforti svolti in Cina, ha approfondito la propria formazione in Canada e al Curtis Institute of Music di Filadelfia sotto la guida di Gary Graffman. L’affermazione internazionale è avvenuta nel 2007, quando è subentrata all’ultimo istante a Martha Argerich come solista con la Boston Symphony Orchestra. Due anni dopo ha firmato un contratto di esclusiva con l’etichetta Deutsche Grammophon e da allora ha consolidato la propria posizione fra gli artisti più importanti del mondo grazie a una serie di esibizioni e registrazioni apprezzatissime.

Nel 2017, Yuja Wang è stata nominata ‘Musical America’s Artist of the Year.

Discografia

  • Chopin, Ligeti,Scriabin, Liszt

    CHOPIN, Piano Sonata No. 2 op. 35
    LIGETI, Etudes
    No. 4 »Fanfares«
    No. 10 »Der Zauberlehrling«
    SCRIABIN, Piano Sonata No. 2 op. 19
    »Sonate-Fantaisie«
    LISZT, Piano Sonata in B minor

    Deutsche Grammophon, 2009
  • Mahler, Prokofiev

    DVD
    Mahler, Symphony 1
    Prokofiev, Piano Concerto No. 3

    Lucerne Festival Orchestra
    Claudio Abbado

    Euroarts, 2010
  • Mahler, Prokofiev

    DVD
    Mendelssohn in Verbier - Piano Sextet / Piano Cto

    Kurt Masur
    Verbier Festival Orchestra

    Auroarts, 2010
  • AA. VV.
    Transformation
    Works by:
    Johannes Brahms
    Maurice Ravel
    Domenico Scarlatti
    Igor Stravinsky
    Deutsche Grammophon, 2010
  • Rachmaninov, Paganini

    Rachmaninov,Piano Concerto No. 2
    Paganini, Rhapsody

    Yuja Wang
    Mahler Chamber Orchestra
    Claudio Abbado

    Deutsche Grammophon, 2011
  • AA. VV.

    Fantasia

    Works by
    Albéniz, Bizet, Chopin
    Dukas, Gluck, Liszt
    Rachmaninov, Saint-Säens
    D. Scarlatti, Schubert
    Scriabin, J. Strauss

    Deutsche Grammophon, 2012
  • Rachmaninov, Prokofiev

    Piano Concertos
    Rachmaninov, No. 3 op. 30
    Prokofiev, No. 2 op. 16

    Simón Bolívar Symphony Orchestra
    of Venezuela
    Gustavo Dudamel

    Deutsche Grammophon, January 2014
  • Brahms

    The Violin Sonatas

    Yuja Wang
    Leonidas Kavakos

    Decca Classics, 2014
  • Ravel, Fauré

    Ravel:
    Piano Concerto in G major
    Piano Concerto in D major for the left hand
    Fauré:
    Ballade op. 19

    Tonhalle-Orchester Zürich
    Lionel Bringuier

    Deutsche Grammophon, 2015
  • Ravel

    Complete Orchestral Works

    Yuja Wang, piano,

    Ray Chen, violin,

    Tonhalle-Orchester Zürich

    Lionel Bringuier, conductor

    Deutsche Grammophon, 2016
  • AA. VV.

    The Berlin Recital – Encores

    Deutsche Grammophon, 2018
  • AA. VV.

    Verbier Festival – 25 Years of Excellence

    Compilation featuring Yuja Wang, Martha Argerich, Yevgeny Kissin, Mikhail Pletnev, Bryn Terfel, and Daniil Trifonov among others

    Deutsche Grammophon, 2018
  • Brahms, Mendelssohn, Weber

    BLUE HOUR

    Andreas Ottensamer

    Brahms: Intermezzo in A major op. 118/2**

    Mendelssohn: Lieder ohne Worte*

    op. 30/4&6 (Venetianisches Gondellied)

    op. 67/2&3, op. 85/4&6, op. 102/1

    Weber:

    Clarinet Concerto No. 1 in F minor op. 73

    Grand Duo concertant for Piano and Clarinet

    in E flat major op. 48

    Andreas Ottensamer, Yuja Wang

    Berliner Philharmoniker, Mariss Jansons

    Deutsche Grammophon, 2019

Press

  • Leonidas Kavakos e Yuja Wang abbagliano alla Carnegie Hall

    […] Il pubblico è rimasto visibilmente commosso dalla bellezza dell’interpretazione che ha addirittura fatto spuntare le lacrime dagli occhi di qualcuno. Quando sembrava che Kavakos e Wang raggiungessero l’apice della propria capacità artistica, riuscivano invece a raggiungere vette ancora più alte. Hanno avuto sul pubblico effetto così potente che, dopo il secondo bis, alcuni sono rimasti senza parole, altri non sono riusciti nemmeno ad alzarsi in piedi […]

    Eleni Sakellis, www.thenationalherald.com, 9 febbraio 2019

  • [….] L’essenza del suono. Fenomeno Yuja Wang al Festival Pianistico. L’artista cinese incanta al Teatro Sociale. Recital fantastico: tocco sognante e cantabilità liquida […] Oggi è un lusso ascoltarla […]

    Bernardino Zappa, L’Eco di Bergamo, 27 maggio 2018

  • [...] L’Unione Musicale di Torino chiude in bellezza la ricchissima stagione concertistica, dopo il forfait di Murray Perahia, con un elettrizzante recital pianistico: tra il luccichìo delle paillettes e lo scintillio dei fuori programma, Yuja Wang illumina l’auditorium “Giovanni Agnelli” coi bagliori della sua Russia [...]

    Antonino Trotta, L'Ape Musicale, 26 maggio 2018

  • […] il suo virtuosismo e la sua intelligenza musicale

    la posizionano nell’Olimpo dei musicisti […]

    The Guardian

  • Wang, musica incandescente - Standing ovation al Teatro Comunale di Vicenza

    Il Giornale di Vicenza, 20 febbraio 2015

  • Chopin è risultato profondo, sentito, a tempo e di una maturità non consueta in una giovane interprete. Yuja Wang è una grande interprete, forse la migliore della nuova leva […] giovani come Yuja Wang sembrano lasciar intravvedere un futuro promettente

    Javier Montero Rodriguez, Il Corriere di Spagna, 13 maggio 2014

  • L'esibizione di Yuja Wang è stata talmente brillante, originale e indimenticabile che è difficile menzionarne solo qualche passaggio

    Harry Rolnick, Concertonet.com,20 ottobre 2011

  • Perché è mostruosamente brava. E soprattutto perché dal vivo è magnetica. E' musicista, è contagiosa, e comunque incarna quell'aspetto fondamentale dell'artista, che vuole il corpo con la sua individualità diventare tutt'uno con la musica.

    Carla Moreni, Il Sole 24 Ore,29 marzo 2009

  • Yuja Wang, cinese di 21 anni, ha colto di sorpresa il pubblico dell’Auditorium con una esuberante apparizione fatta di luminosità, temperamento, virtuosismo e maestria nel tocco

    Hans-Jorg Loskill, WAZ, 8 giugno 2008

  • Yuja Wang ha dato largamente prova del suo talento in uno dei più feroci ‘braccio di ferro’ del repertorio pianistico. Il suo suono è stato profondo e pieno quando necessario, arrendevole laddove la musica diviene lirismo sognante o danza sinuosa. La grande cadenza del primo movimento, con le sue sequenze a cascata e con i suoi accordi scintillanti in rapida successione, ha visto gli spettatori guardarsi l’un l’altro con felice incredulità

    John Von Rhein, Chicago Tribune, 24 marzo 2007

  • Yuja Wang è subentrata a Martha Argerich, affrontando il Primo Concerto per pianoforte di Chaikovskij con impressionante virtuosismo ed equilibrio. Tutta la sua esecuzione era musicale senza essere leziosa, il suo fraseggio agile, la sua articolazione eccezionalmente pulita attraverso le difficoltà dei passaggi più veloci. Ha trovato dei colori inusuali nella cadenza del primo movimento e si può immaginare che il suo stile interpretativo potrà solo crescere e distinguersi ulteriormente con il tempo. […] il suo suono era sempre corposo e generoso: non ha avuto difficoltà a trascinare il pubblico, che era in piedi entusiasta subito dopo l’ultimo accordo

    Jeremy Eichler, Globe Staff, 9 marzo 2007

Lorenzo Baldrighi Artists Management SRL Unipersonale - Piazza Gnecchi Ruscone, 2 - 23879 Verderio (LC) - Italia
ph +39.039.9281416 - fx +39.039.9281424 - mail info@baldrighi.com - CF/P.IVA 03297510137 - Cookie policy - Privacy policy

Sede legale: Via Alberico Albricci, 8 – 20122 Milano (MI) – Italia