Kristóf Baráti

Violino

Biografia

Il violinista ungherese Kristóf Baráti è riconosciuto nel panorama internazionale come musicista di straordinaria qualità, oltre che dall’ampia gamma espressiva ed impeccabile tecnica. Nel 2014, all’età di 35 anni gli è stato conferito il Kossuth Prize, il più alto riconoscimento ungherese, concesso in passato ad artisti del calibro di András Schiff, György Ligeti e Iván Fischer.

Nelle ultime stagioni è stato protagonista di prestigiosi debutti fuori patria, fra cui quello al Festival di Verbier, dove ha eseguito l’integrale delle Sonate e Partite di Bach, e con orchestre quali la London Philharmonic e l’Orchestra della Tonhalle di Zurigo, in seguito alla quale Bachtrack l’ha descritto come “un esteta di prim’ordine nelle tonalità”.

Gli impegni principali della stagione 2017/2018 di Kristóf Baráti includono il debutto con la Los Angeles Philharmonic all’Hollywood Bowl, nuove esibizioni con la London Philharmonic Orchestra diretta da Vladimir Jurowski ed alla Cadogan Hall di Londra con Valery Gergiev e l’Orchestra Mariisnky. Altri debutti lo vedono impegnato con la Filarmonica di Monaco e Valery Gergiev, l’Orchestra Sinfonica della Radio di Vienna (ORF), entrambe sia in patria che in tournée, l’Orchestra del Festival di Verbier a Schloss Elmau, l’Orchestre Philharmonique de Luxembourg, la BBC Scottish Symphony, la Sinfonica di Lahti e la Hague Philharmonic. Altri appuntamenti lo vedono esibirsi in patria per recital, musica da camera e con orchestra, oltre che con la Philharmonia di Praga, con cui suona e dirige l’integrale dei Concerti di Mozart alla Liszt Academy. In recital farà ritorno al Festival di Verbier in seguito al grande successo riscosso per il debutto nel 2016; ha in programma un ciclo di 17 concerti in recital per una tournée tedesca, esibizioni alla Philharmonie di Colonia con il Trio Catch ed il debutto ai Festival di Stresa e Merano, oltre che all’Hong Kong Cultural Centre di Hong Kong.

Nelle stagioni passate, Kristóf Baráti si è esibito con le principali orchestre del mondo e con direttori quali Kurt Masur, Marek Janowski, Charles Dutoit, Jukka-Pekka Saraste, Andrew Manze, Andrés Orozco-Estrada, Mikhail Pletnev, Jakub Hrůša, Yuri Temirkanov e collabora regolarmente con Valery Gergiev e l’Orchestra Mariisnky. È inoltre un musicista di recital molto attivo, si è infatti esibito, fra gli altri, con partner musicali del calibro di Jean-Efflam Bavouzet, Mischa Maisky, Yuri Bashmet, Miklós Perényi, Zoltán Kocsis e Kim Kashkashian. Fra i suoi recenti appuntamenti di rilievo figurano recital nelle città di Parigi, Chicago e New York, oltre a un ritorno al Festival delle Notti Bianche per un recital trasmesso in televisione in cui si è esibito con Nikolai Lugansky.

Kristóf Baráti ha al suo attivo un’estesa discografia che include i cinque Concerti di Mozart, l’integrale delle Sonate di Beethoven e Brahms con Klára Würtz, le Sonate per violino solo di Ysaÿe per Brilliant Classics e le Sonate e Partite per violino solo di Bach per Berlin Classics. Di un suo recente album di “encore”, la rivista Gramophone ha scritto: “per coloro a cui piace ascoltare il violino suonato al meglio per dolcezza ed acrobazie, Baráti rappresenta il non plus ultra”.

Dopo aver trascorso in gioventù diversi anni in Venezuela, paese dove ha suonato come solista con molte delle maggiori orchestra locali, Kristóf Baráti è tornato a Budapest per studiare all’Accademia Franz Liszt ed è stato allievo di Eduard Wulfson, che a sua volta era stato studente di Milstein e Menuhin. Tuttora residente a Budapest, Kristóf Baráti si esibisce regolarmente con István Vardái; è anche Direttore Artistico del Festival Internazionale di Musica da Camera di Kaposvár.

Kristóf Baráti suona uno Stradivari ‘Lady Harmsworth’ del 1703, gentilmente concessogli dalla Stradivarius Society di Chicago.

Discografia

  • Bach

    Sonatas and Partitas for Solo Violin

    Bach Sonatas Nos. 1-3; Partitas Nos. 1-3

    Saphir Productions, 2003
  • Bartók, Bowen, Ravel

    Violin and Piano Sonatas

    Severin von Eckardstein, piano

    Bartók, Violin Sonata

    Bowen, Piano Sonata, Op.72

    Ravel, Sonata No.2 for Violin and Piano

    Saphir Productions, 2004
  • AA. VV.

    Ysaÿe & Queen Elizabeth Violin Competition 75th Anniversary

    Kristóf Baráti performs Beethoven Violin Concerto

    Muso, 2012
  • Bach

    Sonatas and Partitas for Solo Violin

    Bach, Sonatas Nos. 1-3; Partitas Nos. 1-3

    Brilliant Classics, 2013
  • Brahms

    Violin Sonatas

    Klára Würtz, piano

    Brahms Sonatas Nos.1-3

    Brilliant Classics, 2013
  • Paganini

    Violin Concertos Nos. 1 & 2

    Radiophilharmonie Hannover, cond. Eiji Oue

    Paganini Violin Concerto No.1 in D, Op.6; Violin Concerto No.2 in B minor, Op.7

    Brilliant Classics, 2013
  • Ysaÿe

    Sonatas for Solo Violin

    Sonatas Nos. 1-6

    Brilliant Classics, 2013
  • Korngold

    Violin Concerto

    South Netherlands Philharmonic, cond. Otto Tausk

    Gábor Farkas, piano

    Violin Concerto in D, Op.35; Violin Sonata in D, Op.6

    Brilliant Classics, 2014
  • Mozart

    Complete Violin Concertos

    Kristóf Baráti, play-direct

    Hungarian Chamber Orchestra

    Violin Concertos Nos 1-5

    Brilliant Classics, 2016
  • AA. VV.

    The Soul of Lady Harmsworth

    Kristóf Baráti, violin / Gábor Farkas, piano

    Works by: Saraste, Wieniawski, Ernst, Tchaikovsky, Paganini

    Hungaroton, 2016

Press

  • [...] Kristóf Baráti ha delle tonalità perfette ed equilibrate, il braccio che regge l’archetto è flessuoso ed il pizzicato della mano sinistra è straordinario [...]

    The Times

Lorenzo Baldrighi Artists Management SRL Unipersonale - Piazza Gnecchi Ruscone, 2 - 23879 Verderio (LC) - Italia
ph +39.039.9281416 - fx +39.039.9281424 - mail info@baldrighi.com P.IVA 03297510137 - Cookie policy - Privacy policy