Daniil Trifonov

Pianoforte

Biografia

Daniil Trifonov, il pianista russo vincitore del Grammy Award e del premio Artist of the Year del Musical’s America 2019, ha compiuto una spettacolare ascesa nel mondo della musica classica come solista, musicista da camera e compositore. Combinando l’impeccabile tecnica con una rara sensibilità e profondità, le sue esibizioni sono una fonte perpetua di stupore. “Ha tutto e di più ... la tenerezza e l'elemento demoniaco. Non ho mai sentito niente del genere”, ha affermato meravigliata Martha Argerich. Daniil Trifonov ha recentemente aggiunto un primo Grammy Award alla sua già considerevole serie di riconoscimenti, vincendo nella categoria “miglior album da solista strumentale del 2018” con Transcendental, dedicato alla musica di Liszt. Questo album lo ha riconfermato per la terza volta come artista esclusivo Deutsche Grammophon.

Come osserva il Times, è "senza dubbio il pianista più sorprendente della nostra epoca".

Nella stagione 2020-21, Daniil Trifonov si esibisce in undici concerti di compositori che spaziano da Bach a Schnittke. La musica di Beethoven è particolarmente presente nei programmi di questa stagione. Oltre ad esibirsi in una tournée europea con il Triplo Concerto del compositore, sotto la guida del M° Andris Nelsons e la Leipzig Gewandhaus Orchestra, Daniil Trifonov si esibisce con il Primo con Gianandrea Noseda e la National Symphony, con il Terzo sotto la direzione di Vasily Petrenko e la Berlin Philharmonic, e sia con il Primo che con il Terzo con la Taiwan National Symphony e Wen-Pin Chien, con il quale suona anche il Primo Concerto per pianoforte di Brahms. Il Concerto di Brahms lo porta anche alla Rotterdam Philharmonic, alla Deutsche Kammerphilharmonie Bremen, e all’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino sotto la guida di Zubin Mehta. Altre collaborazioni portano Daniil Trifonov a suonare musica dei suoi compatrioti russi, suonando il Primo Concerto di Prokofiev con la Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks sotto la direzione di Gustavo Gimeno, e il Concerto di Schnittke per il suo ritorno alla Berlin Philharmonic e la NDR Elbphilharmonie Orchestra di Amburgo sotto la direzione di Alan Gilbert. Il Secondo Concerto di Prokofiev porta Daniil Trifonov alla Chicago Symphony sotto la direzione di Riccardo Muti, e alla NFM Wroclaw Philharmonic di Polonia sotto la guida di Miguel Harth-Bedoya. Si esibisce con il Primo Concerto di Shostakovich a Praga e Vienna con la Czech Philharmonic sotto la direzione di Semyon Byshkov, e con il Concerto di Stravinsky a Vienna, Mosca e San Pietroburgo con Valery Gergiev e l’Orchestra Mariinsky. Nell’ambito solistico, l’artista si esibisce nel suo acclamato programma “Decades” a Lugano, Berlino e al Festival di Salisburgo, si esibisce in recital completamente dedicati a Bach a Taipei, Boston, Palm Beach e Aspen. Porta Szymanowski, Weber e Brahms in Francia e Spagna, appare a Varsavia e in primavera sarà impegnato in una tournée in Cina. Infine si esibirà in duo con il violoncellista Gautier Capuçon a Londra, Vienna e altre importanti città europee.

La scorsa stagione Daniil Trifonov ha inaugurato la sua prestigiosa nomina di Artist-in-Residence 2019-20 presso la New York Philharmonic proponendo il Concerto per pianoforte di Scriabin sotto la direzione di Jaap van Zweden. La sua residenza ha visto anche la premiere mondiale a New York del suo Quintetto per pianoforte. Il Concerto di Scriabin è veicolo di ricongiunzione del pianista alla New World Symphony con Michael Tilson Thomas, con il quale ha suonato anche il Concerto per pianoforte di Ciajkovskij con la Los Angeles Philharmonic. Altri momenti salienti includono l’esecuzione del Primo e il Quinto Concerto per pianoforte di Beethoven con la Philadelphia Orchestra diretto da Nézet-Séguin, registrati per la serie Deutsche Grammophon di Rachmaninov. In ambito solistico Daniil Trifonov ha suonato diverse trascrizioni di Bach e l’Arte della Fuga al Lincoln Center di New York, alla Orchestra Hall di Chicago, alla Celebrity Series di Boston e in altre città europee, ed ha collaborato con il suo mentore e collega pianista Sergei Babayan alla Carnegie Hall, alla Cornell University, alla Eastman School of Music, e a Dortmund, in Germania.

Altri momenti salienti delle ultime stagioni includono una serie di sette concerti per "Perspectives" della Carnegie Hall, coronata da un'esibizione del Concerto per pianoforte di Daniil Trifonov con Valery Gergiev e l’Orchestra Mariinsky; un progetto simile l’ha portato alla Konzerthaus di Vienna e a San Francisco; ha suonato il Primo di Ciajkovskij diretto da Riccardo Muti nello storico finale di gala delle celebrazioni per il 125° Anniversario della Chicago Symphony; ha inaugurato la stagione 2018-19 della New York Philharmonic; si è esibito in un ciclo completo di concerti su Rachmaninov al Rachmaninov Festival di New York, con la Philharmonia Orchestra di Londra, e in tournée con la Filarmonica di Monaco. È stato artista residente sia alla Filarmonica di Berlino, sia al Musikverein di Vienna, dove si è esibito con la Vienna Philharmonic e suonato il suo concerto per pianoforte per la prima volta in Austria; Si è esibito durante il famoso concerto di Capodanno della Filarmonica di Berlino sotto la direzione di Sir Simon Rattle; ha tenuto tournée asiatiche con la Cleveland Orchestra, con la Filarmonica Ceca e l'Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma e tournée europee con la London Philharmonic, la Royal Concertgebouw Orchestra e l’Orchestra della Scala; Dai suoi debutti come solista alla Carnegie Hall, alla Wigmore Hall di Londra, al Musikverein di Vienna, alla Suntory Hall in Giappone e alla Salle Pleyel di Parigi nel 2012-13, Daniil Trifonov ha poi tenuto recital solistici in luoghi come il Kennedy Center di Washington DC, la Celebrity Series di Boston, la Barbican Hall di Londra e Royal Festival hall, le sale della Queen Elizabeth, il Concertgebouw di Amsterdam (Master Piano Series), la Philharmonie di Berlino, l'Herkulessaal di Monaco, lo Schloss Elmau della Baviera, la Tonhalle di Zurigo, il Lucerne Piano Festival, il Palais des Beaux-Arts di Bruxelles, il Théâtre des Champs Élysées e l’Auditorium du Louvre a Parigi, il Palau de la Musica di Barcellona, la Città dell'Opera di Tokyo, il Seoul Arts Centre e il Recital Centre di Melbourne.

Nell’autunno del 2019 è uscito Destination Rachmaninov: Arrival. Con il Primo e il Terzo Concerto del compositore russo, questo è il terzo volume della serie, registrato per Deutsche Grammophon con la Philadelphia Orchestra diretta da Yannick Nézet-Séguin, dopo l’uscita dei primi due: Destination Rachmaninov: Departure, nominato dalla BBC Music 2019 miglior registrazione di un Concerto, e Rachmaninov: Variations, candidato ai Grammy del 2015. Deutsche Grammophon ha anche pubblicato Chopin Evocations, che abbina le opere del compositore a quelle dei compositori del 20° secolo che Chopin ha influenzato, ed il CD Trifonov: The Carnegie Recital, la prima incisione del pianista come artista esclusivo Deutsche Grammophon: registrato dal vivo al suo esordio nel recital alla Carnegie Hall del 2013, l'album ha ottenuto una nomination ai Grammy. La discografia di Daniil Trifonov include anche un album su Chopin per Decca e una registrazione del Primo Concerto per pianoforte di Ciajkovskij con Valery Gergiev e l'Orchestra Mariinsky, per la loro etichetta.

È stato durante la stagione 2010-11 che Daniil Trifonov ha vinto le medaglie in tre delle competizioni più prestigiose del mondo della musica, vincendo il terzo premio al Concorso Chopin di Varsavia, il primo premio al Concorso Rubinstein di Tel Aviv e sia il primo premio che il Gran Premio – riconoscimento ulteriore conferito al miglior concorrente generale di qualsiasi categoria - al Concorso Ciajkovskij di Mosca. Nel 2013 gli è stato assegnato il prestigioso Premio Franco Abbiati come miglior solista strumentale dai principali critici musicali italiani e nel 2016 è stato nominato l’artista dell’anno dal Gramophone.


Nato a Nizhny Novgorod nel 1991, Daniil Trifonov ha iniziato la sua formazione musicale all'età di cinque anni, e ha frequentato la Gnessin School of Music di Mosca come studente di Tatiana Zelikman, prima di proseguire gli studi con Sergei Babayan al Cleveland Institute of Music. Ha studiato composizione e continua a comporre per pianoforte, ensemble da camera e orchestra. Quando ha presentato il suo Concerto per pianoforte nel 2014, il Cleveland Plain Dealer ha detto: “Anche dopo averlo visto, non ci si può credere. Tale è l'arte del pianista-compositore Daniil Trifonov.”

Discografia

  • Chopin

    Daniil Trifonov plays Frédérick Chopin

    Decca, 2011
  • AA. VV.

    Tchaikovsky, Piano Concerto No. 1, Un Poco di Chopin

    Chopin, Barcarolle

    Schubert/Liszt, Erlkönig, Frühlingsglaube, Die Forelle, Auf dem Wasser zu Singen, Die Stadt

    Schumann/Liszt, Liebeslied (Widmung)

    Mariinsky, 2012
  • Chopin

    Piano Concerto no. 1

    Barcarolle

    Dux, 2013
  • M. Weinberg

    Violin Sonata No. 3

    Sonatina op. 46

    Trio op. 48

    Concertino op. 42

    Symphony no 10

    With: Kremerata Baltica and Gidon Kremer

    ECM New Series, 2014
  • AA. VV.

    The Carnegie Recital

    Liszt: Klaviersonate h-moll, Piano Sonata in B minor

    Scriabin, Klaviersonate, Piano Sonata No. 2 op. 19, Sonata Fantasy

    Chopin, 24 Préludes op. 28

    Medtner, Four Fairy Tales op.26 No.2 – Molto Vivace

    Deutsche Grammophon, 2014
  • AA. VV.

    The Magics of Music

    Plus the Castelfranco recital

    DVD

    Allegro Films, 2015
  • Rachmaninov

    Variations

    Deutsche Grammophon, 2015
  • Liszt

    Transcendental

    Daniil Trifonov plays Franz Liszt

    Deutsche Grammophon, 2016
  • Rachmaninov

    Preghiera

    Preghiera (Arr. By Fritz Kreisler From Piano Concerto No. 2 In C Minor, Op. 18, 2nd Movement)

    Trio élégiaque No. 2 In D Minor, Op. 9

    Trio élégiaque No. 1 In G Minor

    Deutsche Grammophon, 2017
  • Chopin

    Chopin Evocations

    Works performed with: Mahler Chamber Orchestra, Mikhail Pletnev, Sergei Babayan

    2 CDs

    Deutsche Grammophon, 2017
  • Schubert

    Forellenquintett, Trout Quintet

    With Anne-Sophie Mutter, Hwayoon Lee, Maximilian Hornung, and Roman Patkoló

    Deutsche Grammophon, 2017
  • Rachmaninov

    Destination Rachmaninov – Departure

    Piano Concertos No. 2 & 4

    Partita for Violin Solo No. 3 in E major, BWV 1006 (arr. Rachmaninov)

    Deutsche Grammophon, 2018
  • Rachmaninov

    Destination Rachmaninov – Arrival

    Piano Concertos 1 & 3

    Vocalise

    Silver Bells

    The Philadelphia Orchestra

    Yannick Nézet-Séguin, conductor

    Deutsche Grammophon, 2019
  • Scriabin, Stravinsky, Prokofiev

    Silver Age

    Daniil Trifonov

    Mariinsky Orchestra

    Deutsche Grammophon, 2020
  • Prokofiev

    Three Pieces from “Cinderella”, Op.95: II. Gavotte

    (visual single)

    Deutsche Grammophon, 2020
  • Stravinsky

    Trois mouvements de Petrouchka: I. Danse russe

    (visual single)

    Deutsche Grammophon, 2021
  • Prokofiev, Scriabin, Stravinsky

    SILVER AGE (4lp collection)

    Daniil Trifonov

    Mariinky Orchestra

    Valery Gergiev

    Deutsche Grammophon, 2021

Press

  • […] Daniil Trifonov è il pianista che mette tutti d'accordo. Artisti così piovono direttamente dal cielo, uno per secolo […]

    il Giornale

Lorenzo Baldrighi Artists Management SRL Unipersonale
Piazza Gnecchi Ruscone, 2 - 23879 Verderio (LC) - Italia
ph +39.039.9281416 - fx +39.039.9281424 - mail info@baldrighi.com - CF/P.IVA 03297510137
Cookie policy (Personalizza) - Privacy policy

Sede legale: Via Alberico Albricci, 8 – 20122 Milano (MI) – Italia