Khatia Buniatishvili

Pianoforte

Biografia

Nata nel 1987 in Georgia, la pianista Khatia Buniatishvili ha iniziato a studiare pianoforte all’età di tre anni sotto la guida della madre, ha tenuto il suo primo concerto con l’Orchestra da camera di Tbilisi all’età di sei anni e ha debuttato sulle scene internazionali a dieci anni. Ha studiato a Vienna con Oleg Maisenberg. È stata vincitrice di numerosi premi internazionali, tra i quali l’Arthur Rubinstein Competition e la Tbilisi International Piano Competition.

Ha debuttato alla Carnegie Hall di New York nel 2008: da allora si è esibita all’Hollywood Bowl, ai BBC Proms, ai Festival di Salisburgo, Festival di Verbier, Menuhin Festival di Gstaad, La Roque d’Anthéron, Klavier-Festival Ruhr, «Progetto Martha Argerich» ed in sale prestigiose quali la Carnegie Hall, la Walt Disney Concert Hall di Los Angeles, la Royal Festival Hall di Londra, il Musikverein e la Konzerthaus di Vienna, il Concertgebouw di Amsterdam, la Philharmonie di Berlino, la Philharmonie ed il Théâtre des Champs-Élysées di Parigi, il Teatro alla Scala di Milano, il Teatro La Fenice di Venezia, il Palau de la Música Catalana di Barcellona, la Victoria Hall di Ginevra, la Tonhalle di Zurigo, il Rudolfinum di Praga, la Suntory Hall di Tokyo e molti altri.

Tra i partner musicali di Khatia Buniatishvili si annoverano rinomati direttori d’orchestra quali Zubin Mehta, Placido Domingo, Kent Nagano, Neeme Järvi, Paavo Järvi, Mikhail Pletnev, Vladimir Ashkenazy, Semyon Bychkov, Myung-Whun Chung, Yannick Nézet-Séguin, Philippe Jordan con orchestre del calibro della Filarmonica Israeliana, la Los Angeles Philharmonic, la San Francisco Symphony, la Sinfonica di Seattle, la Sinfonica di Toronto, la Sinfonica di Stato di San Paolo, la NHK Symphony, la London Symphony, la BBC Symphony, l’Orchestre de Paris, l’Orchestre National de France, la Filarmonica della Scala e moltissime altre.

Si è esibita in recital ad Amsterdam, Atene, Birmingham, Barcellona, Bruxelles, Monaco, Francoforte, Stoccarda, Colonia, Berlino, Amburgo, Roma, Firenze, Praga, Varsavia, Parigi, Stoccolma, Vienna, Lussemburgo, Londra, Singapore, Tokyo e Vancouver.

In ambito cameristico, ha collaborato con artisti del calibro di Renaud Capuçon, Truls Mork, Sol Gabetta; ha inoltre suonato in trio con Gidon Kremer e Giedre Dirvanauskaite e in duo con sua sorella Gvantsa.

Nel corso delle ultime stagioni, Khatia Buniatishvili ha collaborato a numerosi progetti: per il settantesimo anniversario delle Nazioni Unite, ha preso parte al Concerto di Beneficenza in favore dei profughi siriani, al Concerto di Beneficenza di Kiev in favore delle persone ferite nel territorio ATO ed al concerto “to Russia with Love” contro la violazione dei Diritti Umani in Russia. Ha inoltre partecipato alla Conferenza DLDWomen.

Khatia Buniatishvili ha collaborato con il gruppo rock COLDPLAY per il loro ultimo album “A Head Full Of Dreams”.

La sua discografia include un album Liszt del 2011, un album Chopin nel 2012, il disco “Motherland” nel 2014, “Kaleidoscope” nel 2016 (SONY Classical), così come il CD “Piano Trios” con Gidon Kremer e Giedrė Dirvanauskaitė nel 2011 (ECM) e le Sonate per violino e pianoforte con Renaud Capuçon nel 2014 (Erato).

Khatia Buniatishvili ha vinto due ECHO Klassik Award nel 2012 e nel 2016 per gli album Liszt e “Kaleidoscope”.

La sua ultima registrazione include i Concerti n. 2 e n. 3 di Rachamninov con la Filarmonica Ceca e Paavo Järvi (Sony Classical).

Discografia

  • Liszt

    CD
    works by Franz Liszt

    Sony Classical, 2011
  • Chopin

    CD

    with Orchestre de Paris
    Paavo Järvi

    Sony Classical, 2012
  • AA. VV.

    Motherland

    Sony Classical, 2014
  • Mussorgsky, Ravel, Stravinsky

    Mussorgsky, Pictures at an Exhibition
    Ravel, Le Valse
    Stravinsky, Three Movements from Petrushka
    Kaleidoscope

    Sony Classical, 2016

Press

  • [...] [Khatia Buniatishvili] sa essere spericolata senza mai andare in testacoda, e con un’energia nelle ottave dei bassi splendidamente forsennata; magnifica e indimenticabile, a riconferma della versatilità di un’interprete che pur così giovane sa trascorrere dai romantici al ’900 con una naturalezza ammirevole [...]

    Attilio Piovano, 17 febbraio 2013, Il Corriere Musicale

  • Talvolta, Khatia Buniatishvili sembra totalmente assorta nel suo mondo, con quei capelli che le cadono sul volto, ma a guardar bene si capisce che è completamente focalizzata sulle sonorità, con quel suo modo di volare lungo la tastiera in un gioioso labirinto di note

    Stephen Pritchard, The Observer

Lorenzo Baldrighi Artists Management SRL Unipersonale - Piazza Gnecchi Ruscone, 2 - 23879 Verderio (LC) - Italia
ph +39.039.9281416 - fx +39.039.9281424 - mail info@baldrighi.com P.IVA 03297510137 - Cookie policy - Privacy policy